sciopero è una parola…

Oggi non volevo neanche accendere il pc.
Tutta presa e compresa dal mio taglio di capello strong.
E in trepida attesa di una Sideralgìa Amica.

Poi una che non nomino mi manda un link in posta privata.
Provocatrice nata.

Passetto indietro.

Tempo fa espressi a modo mio le perplessità (anche qualcosa in più di perplessità) partendo con una copertina facebook dove mandavo a dire a un tot di amicizie che se veramente ma veramente l’8 marzo a venire avevano in programma qualcosa con dentro la parola sciopero, beh…

SCIOPERO DI DONNE?
Non potrò partecipare.

Mai avuto un datore di lavoro.

Della serie: o trovate un’altra parola
oppure con me (e non son sola)
cascate molto male!

Ebbene, a quanto pare, sto sciopero si farà.
Le parole restano pietre. E torneranno indietro.
Ma questo è il meno.

Non me ne sono molto curata, devo dire la verità.
Attratta da molto altro di accattivante.

Certo, ho letto qualcosa, qui e là.

Per dire, sto sciopero riguarderebbe il lavoro produttivo e anche quello riproduttivo. Dice.

E i motivi per starmene zitta e buona aumentavano di giorno in giorno.

Poi… oggi la provocatrice manda quel link.

Beh, ragazze mie…

che voi siate giovani o meno giovani poco me ne fotte,

come poco m’interessa addentrarmi ancora una volta
nello stantìo dibattito su conflitti generazionali
veri e propri vuoti a perdere mentali

che voi siate etero oppure anche no
me ne fotte ancora meno.

che voi siate di primo pelo
o che ne abbiate invece abbastanza sullo stomaco

giuro, me ne fotte assai.

Ma una cosa è certa:

La fica è cosa seria.
Carla Lonzi docet.
Ancora, ancora e ancora.

Non conosco di persona l’autrice di quel pezzo che s’è dato come titolo… disobbedire godendo.

figure_frattali

Non conosco nè Carlotta Cossutta,
nè Giulia Palladini che viene messa come citazione in english…

Non sono amiche a me, pertanto… ciccia.

Ma… e che vi devo dire?

Io di orgasmi ne ho avuti a milioni.
E ancora capita di tanto in tanto.
Ieri, per dire..

Il fatto è che… masturbazione o altro sinonimo più conveniente
è stata mia compagna fedele anche quando avevo una compagna (e sì, lo ammetto, in tempi ormai lontani, anche un compagno).

Anzi, a dirla tutta, la mia voglia cresceva quando ero in rapporto.

Pertanto, mai pensata e praticata la… masturbazione come alternativa a qualcosa di coppia. Mai e dico mai.

E già su questo si potrebbe aprire non un capitolo ma un’enciclopedia a parte.

Ora, in vista de sto sciopero de 8 marzo benedetto,
che vorreste fare voi? Che vorreste fare?

Veramente, è meglio se mi taccio.

La strada è ancora lunga, e in fondo si sapeva già.
Ma le traverse che avete preso vi sbatteranno e forte sulla faccia. Questo è poco, ma sicuro.

E con questo per oggi è tutto. Vaffanculo!

MAC

P.S. 1:
magari, solo questo. Leggo che il blog da cui è tratto quel link se chiama effimera.org Ecco, vorrei dirti, cara donna, che dire effimera è poco, da una parte. E che a suo modo quella resta parola seria, dall’altra. Altro poi vorrei dire per via che tiri in ballo niente meno che Nina Simone e il suo Ain’t got no, I got life. Ma veramente, lasciamo stare. Fanculo e stop.

P.S. 2:
ah, se ci fossi, Simonetta. Sai che risate…
Io, cummare mia? Crumira a vita!

 

NOTA SULLA MUSICA
ho scelto la Regina della Notte di Mozart, lo stesso sottofondo che puoi trovare anche altrove, in questo blog. E usata finora solo per Lei. In una stanza a parte. E quasi le chiedo venia, per l’affronto. Anzi, facciamo così, chè vado di fretta: ruberò anche l’immagine. Sorry, Carla. Sorry, davvero davvero.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

 

Alla Morte

Ciao,
sapevo già che eri come un’Amante esigente.
A volte un po’ invadente.
E io Ti rispetto come ho fatto un po’ con tutte.
Facciamo così:
so che sei abbastanza impegnata.
Non vorrei farti aspettare giù.
Ti chiamo io appena sono pronta.

MAC

 

 

fotogramma tratto da un video su you tube con dentro Samarcanda

fotogramma tratto da un video su you tube con dentro Samarcanda

P.S.:
Pensierino formulato mentre pittavo l’ultimo termosifone.
Ah, con la parola ultimo mi riferisco al numero di quelli in casa, eh!

 

 

 

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

 

 

santanna 1

Premessa doverosa e forse noiosa

Verità non esiste, come Babbo Natale e Befana.
Esiste autenticità. Che per esistere ha bisogno di sguardo. Che per esistere ha bisogno di voglia di guardare.
Lo sguardo è sempre personale. E sempre parziale.
Saperlo è essenziale. Dichiararlo forse superfluo. Ma io lo faccio uguale. Continua a leggere

nel primo mistero si contempla…

vi sono leggi non scritte
valgono nei rapporti interpersonali
valgono nella cosiddetta politica

a volte sono leggi misteriose
e pertanto potentissime Continua a leggere