quelle del lapsus

Nella nota 5 del pezzo che precede scrivo di bilanci sovraesposti.

E lì scrivevo di… figlie di mamma udi che si sono comportate nel passato con lei come con una vecchia invalida e bisbetica, eccetera.

Allora è giunto il momento di scoprire altre carte.
In a carte scoperte vi è capitolo titolato 50E50 e un lapsus locale.
Il lapsus è ferrarese e l’autrice con ogni probabilità è colei che gestiva – e forse gestisce ancora – sia la Sede locale che la corrispondente posta elettronica. Il suo nome è Liviana Zagagnoni.

lzsg

zagagnoni al microfono.
alla sua destra stefania guglielmi.
foto da articolo web 27.01.13
dove apprendo che trattasi
delle attuali responsabili udi ferrara.
in effetti, tutto torna.
vedi qui il pezzo “3 – unico 2011″

Potrei definire Zagagnoni la madrina delle onde anomale.
Onda madre sarebbe troppo.

In lei – comunque – l’ipocrisia di chi ha fatto finta ha toccato livelli inarrivabili.
La conosco da quando l’ho vista la prima volta nelle Assemblee Udi, nel 1985. Sempre presente. Poco accompagnata – eccezion fatta nei primi tempi per Ansalda Siroli.

Poco accompagnata nel senso che nel corso dei tanti anni non ho mai visto accanto a lei molte altre facce ferraresi, sopratutto facce nuove.

Era poco accompagnata e ancor meno relazionava, una volta rientrata in loco, su quanto si dibatteva in sede nazionale.
Questo lo posso affermare con sicurezza, perchè da fonte certa.

Zagagnoni era nel Gruppo Preparatorio del Congresso 2003.
E poi nel Coordinamento dove sono entrata anch’io, nel 2005.
Doveva conoscermi bene, perchè riferendosi al mio ingresso dirà: porterà solo guai.

Zagagnoni è colei che – dinanzi alla denuncia pubblica di finanze nazionali magre da parte della Garante Casellato nel 2006, in un corridoio semiprivato pronuncerà le seguenti testuali parole: ma lo potevate dire, vi avremmo mandato qualcosa!

Zagagnoni ha gestito per lungo tempo – qualche volta personalmente nella grafica, sempre sul piano contabile – l’entrata Udi nazionale più cospicua, ossia quella del Calendario. Gestione direttamente legata a tipografia ferrarese.
Gestione che, sul piano contabile e di bilancio, conteneva delle incongruenze di cui mi sono avveduta anche prima dell’incarico di Garante nel 2008.
Incongruenze di cui cito solo la più madornale: entrate e uscite non corrispondevano mai all’anno in corso, mai che fosse una volta, nei tanti bilanci di carta che mi sono passati davanti. I bilanci sono in sede. E qualcosa c’è anche nella Cisterna.

Tale gestione è stata interrotta quando si è preferita una tipografia romana, con grande risparmio per l’Udi tutta. Risparmio chiaro, evidente, alla luce del sole e di via Arco di Parma 15. La scelta la dobbiamo a Pina Nuzzo.

Zagagnoni deve aver preso appunti già da allora.
Per venire al lapsus, chiedo di rileggere quel capitolo.

Nel caldo agosto 2008 la Delegata Pina Nuzzo ridiventa (sulla carta intestata di Ferrara, per lo meno) la Responsabile di Sede nazionale Udi. 

In effetti, quel lapsus conteneva una premonizione che si materializzerà a dicembre 2010, quando ritorneranno le 2 responsabili di Sede 2.

Di Zagagnoni ricordo poco altro.
Solo qualche flash nella memoria. Partendo da cose piccole.

Nel 1992 Zagagnoni è colei che con altre si lamenterà per quel Calendario 1993 dove le donne Udi non avrebbero trovato il posto per gli appunti.
Il riferimento è contenuto in perle d’autora.
Le scansioni integrali di quei mesi 1993 si trovano in Cisterna.

IMG_3857

dicembre 1993 – calendario udi

Nel 2007 Zagagnoni è colei che, dinanzi a una esultante Enza Miceli che annunciava lo straordinario successo del Centro di raccolta firme 50e50 Salento pronuncerà qualcosa a proposito di probabili fotocopie. Vedi in “una rosa rossa e gialla”

L’avevo detto che si trattava di cose piccole…

28.11.07 - sede udi consegna firme 50E50 l. zagnanoni con e. miceli

28.11.07 – sede udi
consegna firme 50E50
l. zagnanoni con e. miceli

Veniamo ora a qualcosa di più consistente. Parliamo di soldi.
Zagagnoni è la responsabile della proposta di riabbassare da 50 euri a 10 euri il costo della Tessera nazionale Udi. Occhio, ho scritto riabbassare.
Non ricordo bene gli anni, ma la sequenza sì.

Occorre sapere che c’è stato un tempo in cui l’Assemblea decise – perchè Udi stava veramente messa male – di portare il costo della tessera a euri 50 all’anno.
Direi il minimo, se si pensa al costo di una tessera associativa qualsiasi, in ogni dove.
Parliamo di euri, indi di un periodo successivo al 2001.

Ebbene, dopo molte rimostranze da parte di Zagagnoni il costo venne riportato a euri 10. Motivo? Testuale:
“le donne Udi non hanno soldi! Come dici? La tessera Arci? ma almeno quella mi fa entrare al cine…!”

Basta dare un occhio all’andamento dei bilanci Udi, almeno a far data dal 2006 in poi, per accorgersi che:
• il numero delle tessere che Ferrara chiedeva alla Sede non corrisponde a quelle fatte;
• alla Sede nazionale non risultano rese di tessere non fatte ;
• l’andamento del tesseramento ferrarese è andato calando progressivamente nel tempo, anche quando si è deciso il ribasso, a smentita dell’argomentazione sul costo esorbitante;
• il costo unitario delle tessere fatte a Ferrara nell’anno 2007 è stato di euri 4,61;
• sul costo complessivo di euri 10, per lunga consuetudine, euri 6 venivano trattenuti dalle Sedi locali per i propri bisogni;
• questo non ha mai impedito a donne e Sedi Udi (sopratutto a singole) di fare tessere a 50 oppure a 100 o più euri; e visto che scopriamo carte affermo di essere stata tra queste ultime;
• nomi e cognomi in chiaro, con altrettanta certezza affermo che chi faceva Tessere a 100 euri non era necessariamente una nababba, così come chi le faceva a 10 oppure gratis non era affatto nota a me come una donna (o Sede Udi) senza portafoglio;
• dulcis in fundo, nessuna realtà Udi locale, a parte rare eccezioni come le Macare, ha presentato al nazionale il proprio bilancio. Certamente non lo ha mai fatto Ferrara. Mai.

tessera udi 2010

per me, la più bella.
grazie a enza e lisbeth per l’immagine.
e a pina per le parole.

Sulla questione tessere e su quanto arrivava alle scarne casse nazionali, ricordo perfettamente alcune parole dell’intervento di Rosanna Galli in una Assemblea dove, dopo la mia relazione, si è dibattuto a lungo: ”mi vergogno di stare in una Associazione dove per una Tessera si mandano 4 euro al Nazionale. Mi vergogno!”

Parliamo di un Tempo glorioso di Campagne.
Fatte tutte in grande economia e altrettante generosità e inventiva.
Nessun rimpianto. Molti, bellissimi ricordi.

Parliamo tuttavia di un Tempo in cui poteva accadere anche – lo porto solo come esempio – che ad una donna palermitana che aveva aperto un Centro di raccolta firme 50E50 una Assessora dicesse: “ah, la Campagna dell’Udi! Ecco, siete contente del finanziamento che vi abbiamo fatto avere, vero? quello per 25mila euro! 25mila euro? Non solo quella donna del Centro Raccolta non ne sapeva nulla, ma trattavasi di finanziamento a chi nel 2007 si faceva chiamare Udi a Palermo e non aveva alcun contatto con la Sede nazionale dal 2003. Anzi, si trattava di sigla che aveva osteggiato pubblicamente la Campagna 50E50. Vedi cenno in “retroscena dispari”.
En passant, 25mila euro o poco più sarà l’intero bilancio di tutta quella prima Campagna.

Quelli erano i tempi, le situazioni, le incongruenze, gli ostacoli.
Solo un esempio.
E Ferrara su tutte docet.

Ferrara dove si facevano e si continuano a fare cose pregevoli, anche belle, come la Biennale Donna. Però, mai che Ferrara abbia mandato un bilancio alla Sede nazionale. Mai. Piuttosto, balbettìo di generosità, come quello di certe figlie con stipendio a una povera madre con la minima di pensione: “me lo potevi dire, ti avrei mandato qualcosa…”

Quando l’ho conosciuta, quella Madre era molto povera.
A volte sull’orlo dell’indigenza.
Mai miserabile. *

 

_____________

*
Curiosità in corso d’opera. Arriva maggio. Tempo di bilanci. A norma di legge.
Tra chi mi llegge vi è chi è iscritta Udi 2012 e 2013.
Domande facili facili:
•  Udi nazionale sta ossequiando le norme sulle Associazioni di promozione sociale, al cui Albo è iscritta dal 2011?
•  le Sedi locali hanno consegnato, come da norma, i propri bilanci? Alla Sede nazionale oppure all’Assemblea
•  già che ci sono, vi risultano Assemblee, come da norma?

Con queste curiosità quasi retoriche dichiaro chiuso ogni capitolo relativo a ricostruzioni et similia riguardanti la sigla Udi.

Post_illa finisce qui.
Sempre a carte scoperte proseguirò su altro.
Con permesso.
Dopo di lei…
;-)

 

 

 

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

 

I commenti sono chiusi.