l’albero delle zoccole

80

 

 

Mi rimangio l’intenzione. Seduta stante. Decido che, dopo gli accenni nelle varie note, dopo aver dato anche l’onore di un titolo a una parola, non scriverò una riga ancora su quel giorno di audizione Senato e suoi dintorni. 171 

Solo, vado a controllare l’elenco di comunicazioni ufficiali Sede Udi per il mese di giugno 2009. 172

Quello che voglio scrivere ora è che a Roma ci andai in Dacia con Cristina, l’amica di 4 è un brutto numero. Il nome intero è Maria Cristina Rizzo. Mi parlò a lungo di sue esperienze personali e politiche, durante la carica di amministratrice, Cristina per due volte Sindaca e una volta Vice. Mi ha raccontato di quello che ha passato, nel confrontarsi sempre a testa alta, prima con una Regione di un colore, poi con una Regione di altro colore. Pur sempre Puglia. Il tutto per difendere il suo territorio e la sua gente e la sua aria e la sua terra, la terra quella vera, fatta di cuti e terra nei dintorni di Otranto, minacciata da rifiuti e altro. Lotte continue, senza distinzione di colore. Mentre scrivo, Cristina è vicepresidente di Anci Puglia ed è Presidente di una Fondazione: Le Costantine, sempre quella lì. 173
Ancora deve vedersela con colori di tanti tipi, non solo partitici, non solo destra, manca e centro. A lei e a donne e uomini di buona volontà, a tutte e tutti coloro che amministrano con serietà nella legalità, mando un pensiero bello in questo pezzo che ha nel titolo quella parola. Se quella parola ha a che fare con compravendite, quella parola non ha sesso, non ha genere, né luogo, né altra distinzione. Ha sempre e solo e ovunque un cattivo odore.
Solo un accenno per chiudere in bellezza, perché è cosa giusta, utile e un pochetto erotica. In Senato ci andammo in tre, per via dei pass si diedero i nomi per intero. Le iniziali sono tutto un programma, quasi da macchina per cucito: M.A.P.C. sarei io, il terzo nome è Patrizia; M.C.R. l’ho già citata; la terza è C.M. che svolta per lungo fa Claudia Mattia. Mi piace il cognome di Claudia, perché è il nome del mio papà. Ciao, Claudia. Ciao, Mattia. E ciao pure a Edoardo piccolino. Ti auguro che nel tuo futuro, Bimbo, quell’albero lì nel titolo non abbia frutti, né foglie, né rami. Soprattutto, non abbia più radici. Te lo auguro con tutto il cuore e lotto con altre, compresa la tua mamma, anche per questo.

 

__________________

NOTE

171
In Cisterna, dovrebbero bastare, e forse avanzano, i documenti precedenti e successivi della Sede nazionale, inclusi comunicati stampa per protestare contro la stampa. Ci sono varie mail dal 6 al 12 giugno e c’è un link audio ancora sul web, grazie a radioradicale. Facciamo così: ripescherò il backup del 50 e in un rigurgito di concessione ci sarà la cartella aUDIzione. Il gioco di parole per il titolo è l’unico sforzo che ora ho voglia di fare. Vedere nelle varie ed eventuali mac 2009. Nel cronologico mac 2009 una mail a parte, sempre nel merito: alla cortese attenzione. Buona lettura e buon ascolto. P.S.: nella casistica del linguaggio differentemente sessuale toccherà assegnare un posto alla parola del titolo, visto che al maschile vuol dire altro. Chiedo venia a Ermanno Olmi e al suo film.

172
Sempre in Appendice per l’elenco e poi in Cisterna per le trascrizioni integrali di mail e allegati, nella cartella cronologico sede 2009 [09]. Delle mail inviate a tutte dalla Sede, per il mese di giugno, io ne ritrovo 14 nella posta.

173
Foto e altro di Maria Cristina Rizzo si trova sparso in giro nella Cisterna. Fin dal 2005, anno di un Corso di formazione; dal 2006, anno di una prima Scuola Politica Udi, dal 2007, anno di un deposito di Titolo in Cassazione e altro; dal 2008, etcetera etcetera. Vedere in giro. Ah, quasi lo scordavo, ora Cristina imperversa anche lei su facebook. P.S.: poco prima di andare in stampa, in una nostra conversazione è rispuntata la faccenda del quattro che è un brutto numero. Cristina ha ricordato che era una fissa della sua mamma. Pertanto, non solo mi faccio volentieri tramite di questa informazione, ma mando un pensiero bello alla sua mamma che, del tutto inconsapevole, ha la sua buona parte di responsabilità per averci/mi fatto dare così tanti numeri.

 

 

vai

 

___________________

 

 

torna a indice

 

 

 

Lascia un Commento