il giorno che non mi basta

06 agosto 2014

20140806_080150

Sono la prima a svegliarsi in spiaggia. Beh, sono stata anche la prima ad andare a nanna. Pierluigi è a un metro e mezzo da me. Mi auguro non abbia sentito il mio ronfare notturno. Perchè so di aver dormito profondamente. E perchè ora sento il suo.

Trovo Darinka e Carlo Alberto dove li ho lasciati. Intorno al fuoco. Solo che ora dormono e hanno il sacco indosso.

Le prime cose vive che vedo muoversi sono le rondini.
Ma per dirti questo è più bravo il Samsung. Video girato alle ore  8 e due minuti.

Giretto sulla spiaggia.
Numero di presenze umane 6. Noi e i 2 pipistrelli francesi arrampicatori che dormono nelle amache.
Però, bella pensata. Sembrano chiuse da una zip addirittura. Potrei provarla questa.

Arrivo fino all’ultima grotta.
Non si passa oltre, se non a nuoto. Per me è ancora presto.
E poi non ho voglia di lasciare ai gabbiani il mio bellissimo chiuei bianco di Praia a Mare.

Lì scopro perchè i gabbiani non si allontanano nonostante il mio arrivo.
Pasto poco ma fresco. Cadavere di rondine cui restano poco più delle piume addosso.
La natura è natura.

Ammazza quanto so’ brutti i gabbiani da vicino. Non mi piacete per niente.
Non c’entra la rondine. Lo so. La natura è natura.

Vado a vedere i totem che fine hanno fatto.
L’unico rimasto in piedi è quello di Pierluigi.
E bravo, hai vinto una colazione al bar del Lido.

20140806_081310

Ma forse il bar alle ore 8 non ha ancora aperto e soprattutto al mio ritorno P. ha già messo su il primo caffè.
Colazione
 con pane integrale e caffè. Perfetta.
Ho anche del miele, dice.
No, grazie. Va bene così.
Il mio iniziare cose nuove non arriva a tal punto, Pierluì.
A stento sopporto scriverla, la parola miele.

Accanto al reparto viveri scorgo una canna.
No, non quella da ardere.
Nè altro cui potresti pensare.

E che, Pierluigi? Vai anche a pescare?
Ma no, è una da bambini. Quasi un giocattolo. Però, se ti va…

Con canoa giro intorno a Coniglio. E ci provo.
Prima, una decina di patelle a Marinella.
Ogni scusa è buona per darsi una lavata.

Il terminale non è dei più graditi: piombo piccolo con ametto in fondo e un galleggiante per gradire.
Uhm. Stacco e rifaccio tutto. Sempre in canoa.
Son così presa che mi scordo di non aver su la protezione 50.
Dopo un paio di tentativi sento almeno che… lassotto qualcuno mi mangia.
Le mie patelle non devono essere così schifose.

Due sub nelle vicinanze. Meglio non disturbare. Torniamo, va.
E poi, occhio giù, qui al massimo tiro un paio di ‘nfucamusci. Bella figura.
Le nfucamusci sarebbero i pescioletti neri che infestano i fondali bassi e scogliosi.
Dette così perchè portatrici sane di così tante spine che anche un gatto si strozzerebbe.
Al mio ritorno saranno le undici circa, D. si è appena svegliata.
Che si fa, Darinka?
Mah, io scriverei.
Bene, io resterei. Anche fino a domattina. Ho anche rodato il sonno in tenda libera.
Vai al Lido, Darì? Mi faresti mettere sotto carica il Samsung?
Come faranno a raccapezzarsi le ragazze del Lido con tutti sti cellulari sotto carica, ancora me lo chiedo.

20140806_081125

Il mio stomaco dice che è ora di pranzo.

Il pane c’è ancora ed è ancora ottimo. Pomodori di quelli giganti cuore di bue mi pare si chiamino.
Pierluigi ha anche del formaggio mantenuto perfettamente.

A proposito: bastano pochi passi per un’escursione termica di almeno quindici gradi.
E giusta umidità. Vedi capelvenere. Infatti in alcuni punti Grotta ti gocciola addosso da stalattiti bellissime.

Inserisco un’altra foto di qualche ora prima. Non tanto per far vedere la sottoscritta che si lava i denti…

20140806_091603

 

… quanto per far notare l’ombra presente alle ore 9 e 30 del mattino.
E ci sono punti dove Sole non arriva mai. Neanche quando cala. Che bello.

Le foto successive di questa giornata partono dalle ore 19.30.
Cosa è accaduto nel frattempo? Di tutto, inclusa la pioggia e un arcobaleno doppio da mozzare il fiato.

Pioggia era così fitta e pungente che in alcuni punti il mare vicino alla riva sembrava popolato da miliardi di diamantini.
Il cielo da qualche parte era aperto e Sole ha fatto il suo. Mare calmissimo e pioggia a scroscio.
Ci siamo bagnati alla grande. Perchè usciti da Grotta. Ma non importa.
Una pioggia e un arcobaleno così quando mi ricapitano?

Alle prime gocce siamo andati a recuperare legna asciutta per la serata. Non solo canne.

Stasera brace, concordiamo con i due francesi. Che in realtà è uno, Greg. L’altra è Viviana ed è romana ma vive a Parigi.
Partono domani e ci tengono all’ultima cena. Ancor più all’ultima bevuta.

Poco prima, con Darinka e Pierluigi andiamo al Lido. Recupero il Samsung. E saluto lei. Che va a Pisciotta.

Ti raggiungo in serata, Darinka. Forse. O al massimo domattina presto.
Ma già so, anche prima della pioggia, anche prima dell’invito francese e di tutto, che voglio restare.
Intanto per gustarmi l’imbrunire che ieri ho perso, per via della spesa a Palinuro.

E Imbrunire mi ripaga. Alla grande.

20140806_193254

19.32
Una barca a vela piazzata al centro del mio orizzonte usa la cortesia di andarsene, dopo la pioggia.

 

20140806_193319

19.33
Anche Coniglio mi sembra più carino.
Sempre Topolone, ma più carino.

 

20140806_193516

19.35.16
Pierluigi è quello con l’asciugamano.

 

20140806_193538

19.35.38
idem + canoa

20140806_194029

19.40
pierluigi, mi fai una foto dove saluto grotta?

20140806_194220

19.42
- pierluigi, ma non l’hai presa tutta!
- non entrava e non volevo bagnarmi!
- ok, il pezzo di su lo faccio io.

 

20.16 Lna spunta dal monte

20.16
Luna spunta dall’arco di Grotta
Canoa in linea d’Orizzonte

Non sono riuscita a fotografare tutto.
Perchè troppo intenta a guardare.

I francesi tornano tardino. Infatti iniziamo a sgranocchiare qualcosa da soli.
Tornano tardino, ma con costolette d’agnello, calamari, scarola cotta, mozzarelle e vino di tutti i tipi. E di buona marca.

Bene, ho capito. Parto domattina appena levata.
Tenda è stata già spostata all’asciutto.

20140806_193012

Pioggia mi procura un effetto zen.
Lo trasloco sui sassi.

20140806_205532

Inclusi quelli per il fuoco.

20140806_215102

Trasformiamo Canoa in Sedile.

Per il resto, che dire? Si chiacchiera del più e del meno, si mangia molto. E si beve di più.
Ah, ecco. Greg sa tutto sulle anfetamine. E durante la nostra cena un topo, vero, ha fatto fuori tutto il formaggio rimasto. Che Pierluigi aveva scordato di riporre nella cassettina a prova di animalo. Se n’è accorta Viviana che nell’ultima foto ha la luce in testa.

Buonanotte. Buonanotte. Buonanotte. Buonanotte.

 

SOGNO DI OGGI
I sogni di oggi sono speranze piccole, ma tante e incrociate:
- che topo di cui sopra e suoi consimili siano abbastanza sazi e non vengano a frugare nei dintorni di Tenda.
- che soprattutto non siano così intelligenti come qualcuno sostiene e non abbiano voglia e conoscenze per aprirla.
- che Pierluigi & co. mettano ogni avanzo di cibo al riparo prima di andare a dormire.
- che la leggera pendenza che avverto in Tenda spostata causa pioggia non sia poi così grave.
- che questo sasso sotto la scapola trovi un posto più comodo. da solo. perchè io sto crollando e da qui non mi sposto.
- molti altri piccoli desideri che ora non ricordo, pertanto si devono essere avverati tutti.

 

11 giorni di sogni_09 (continua)

vai

 

percorso di walkaboutitalia

il video da cui tutto è partito

 

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

 

 

I commenti sono chiusi.