la consecutio

Adoro mutare i tempi quando scrivo.

Forse perchè sto a scrivere di un passato
che è molto presente e un po’ anche futuro.

Il remoto lo uso anche se parlo di dieci minuti fa (*)

Stravedo per l’imperfetto.

article-1319774-0B940B40000005DC-663_634x842

Certo, fo attenzione alla consecutio.

Non tanto perchè qualche amica potrebbe
storcere il naso.
Non sono così attenta agli altrui furori. 

Lo faccio pensando a Gina e un po’ anche a Mattia.
Potrebbero venirmi in sogno
E allora sì, sarebbero dolori.

Il secondo era più carino e mi diceva
Sta’ attenta alla consecutio temporum, mia piccola Milena.

La prima per un congiuntivo sbagliato
poteva mandarti a letto senza cena.

Poteva, non avrebbe potuto.
Perchè Lei poteva. Poteva proprio.

M.A.C.

 

__________________

(*)

Il remoto può essere anche un modo. per dire.

Esempio:
Se tu mi dici qualcosa ora, ma proprio ora ora
E io ti rispondo: che dici?
Forse non ho sentito, per via dell’acufene.
Se invece ti rispondo: che hai detto?
Forse voglio sentirlo ancora.
Se invece ti dico: che dicesti?
Probabile tu abbia detto un’emerita minchiata.
Forse, eh!

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

 

I commenti sono chiusi.