sciopero è una parola…

Oggi non volevo neanche accendere il pc.
Tutta presa e compresa dal mio taglio di capello strong.
E in trepida attesa di una Sideralgìa Amica.

Poi una che non nomino mi manda un link in posta privata.
Provocatrice nata.

Passetto indietro.

Tempo fa espressi a modo mio le perplessità (anche qualcosa in più di perplessità) partendo con una copertina facebook dove mandavo a dire a un tot di amicizie che se veramente ma veramente l’8 marzo a venire avevano in programma qualcosa con dentro la parola sciopero, beh…

SCIOPERO DI DONNE?
Non potrò partecipare.

Mai avuto un datore di lavoro.

Della serie: o trovate un’altra parola
oppure con me (e non son sola)
cascate molto male!

Ebbene, a quanto pare, sto sciopero si farà.
Le parole restano pietre. E torneranno indietro.
Ma questo è il meno.

Non me ne sono molto curata, devo dire la verità.
Attratta da molto altro di accattivante.

Certo, ho letto qualcosa, qui e là.

Per dire, sto sciopero riguarderebbe il lavoro produttivo e anche quello riproduttivo. Dice.

E i motivi per starmene zitta e buona aumentavano di giorno in giorno.

Poi… oggi la provocatrice manda quel link.

Beh, ragazze mie…

che voi siate giovani o meno giovani poco me ne fotte,

come poco m’interessa addentrarmi ancora una volta
nello stantìo dibattito su conflitti generazionali
veri e propri vuoti a perdere mentali

che voi siate etero oppure anche no
me ne fotte ancora meno.

che voi siate di primo pelo
o che ne abbiate invece abbastanza sullo stomaco

giuro, me ne fotte assai.

Ma una cosa è certa:

La fica è cosa seria.
Carla Lonzi docet.
Ancora, ancora e ancora.

Non conosco di persona l’autrice di quel pezzo che s’è dato come titolo… disobbedire godendo.

figure_frattali

Non conosco nè Carlotta Cossutta,
nè Giulia Palladini che viene messa come citazione in english…

Non sono amiche a me, pertanto… ciccia.

Ma… e che vi devo dire?

Io di orgasmi ne ho avuti a milioni.
E ancora capita di tanto in tanto.
Ieri, per dire..

Il fatto è che… masturbazione o altro sinonimo più conveniente
è stata mia compagna fedele anche quando avevo una compagna (e sì, lo ammetto, in tempi ormai lontani, anche un compagno).

Anzi, a dirla tutta, la mia voglia cresceva quando ero in rapporto.

Pertanto, mai pensata e praticata la… masturbazione come alternativa a qualcosa di coppia. Mai e dico mai.

E già su questo si potrebbe aprire non un capitolo ma un’enciclopedia a parte.

Ora, in vista de sto sciopero de 8 marzo benedetto,
che vorreste fare voi? Che vorreste fare?

Veramente, è meglio se mi taccio.

La strada è ancora lunga, e in fondo si sapeva già.
Ma le traverse che avete preso vi sbatteranno e forte sulla faccia. Questo è poco, ma sicuro.

E con questo per oggi è tutto. Vaffanculo!

MAC

P.S. 1:
magari, solo questo. Leggo che il blog da cui è tratto quel link se chiama effimera.org Ecco, vorrei dirti, cara donna, che dire effimera è poco, da una parte. E che a suo modo quella resta parola seria, dall’altra. Altro poi vorrei dire per via che tiri in ballo niente meno che Nina Simone e il suo Ain’t got no, I got life. Ma veramente, lasciamo stare. Fanculo e stop.

P.S. 2:
ah, se ci fossi, Simonetta. Sai che risate…
Io, cummare mia? Crumira a vita!

 

NOTA SULLA MUSICA
ho scelto la Regina della Notte di Mozart, lo stesso sottofondo che puoi trovare anche altrove, in questo blog. E usata finora solo per Lei. In una stanza a parte. E quasi le chiedo venia, per l’affronto. Anzi, facciamo così, chè vado di fretta: ruberò anche l’immagine. Sorry, Carla. Sorry, davvero davvero.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

 

I commenti sono chiusi.