va bene che la liberazione

1973.  16 gennaio

Va bene che la liberazione è individuale, ma il femminismo dovrebbe essere una tappa dell’umanità come il buddismo, il cristianesimo che hanno improntato di sé una civiltà.
Non che su questa ipotesi mi abbandoni a sogni di risoluzione terrestre, ma neppure potrò escluderlo a priori.
Il femminismo non è solo rabbia, denuncia, ma anche autocoscienza e liberazione, è tutto l’arco, tutte le fasi di un processo: il risultato è sempre la scoperta di sé, ma l’essere in un processo invece che in un altro modifica la civiltà.
Si, lo so, è come scoprire un pezzo di cielo dietro le nuvole; c’è sempre l’azzurro, ed è sempre uguale, ma d’altra parte il cielo è così, infinito, infinite sono le nuvole che lo tengono al di là, e infiniti sono i tempi e gli esseri umani, allora fanno questa rotazione sull’uguale.

[Carla Lonzi – Taci, anzi parla. Diario di una femminista. – 1978 – Pag. 213]

 

vai

cl

 

 

 

line

 

Questa voce è stata pubblicata in parole da carla lonzi. Contrassegna il permalink.